Oxyneedling Needling ossigenato

L’Oxyneedling è una tecnica innovativa che si basa sull’associazione tra due tecnologie estremamente efficaci: la Propulsione di Ossigeno® e il needling. La Propulsione di Ossigeno® è una procedura che permette l’emissione di ossigeno ad una purezza compresa tra il 94% ed il 98% che viene erogato ad una pressione di circa 2,5 atmosfere e ne consente il passaggio per via transcutanea sia dagli annessi ghiandolari che attraverso un percorso inter e/o transcellulare inducendo un processo di biostimolazione. Infatti, oltre a permettere una più efficace penetrazione dei principi attivi applicati (meso-oxy-needling) l’Oxyneedling svolge un’importante azione intrinseca, attraverso un’intensa ossigenazione del derma profondo, l’attivazione del microcircolo e la stimolazione della matrice con neo formazione di collagene di tipo III. In particolare la Propulsione di Ossigeno® si comporta da catalizzatore nella produzione dei fattori di crescita coinvolti dalla procedura di needling e permette di ottenere risultati potenziati rispetto all’uso disgiunto delle due tecniche. La combinazione tra propulsione di ossigeno e microneedling determina un miglioramento pari addirittura al 55,3% dell'elasticità e al 39,4% dell'idratazione, sovrapponibili i risultati della produzione di sebo. Nei pazienti trattati con Oxyneedling si è notato un miglioramento delle cicatrici da acne e delle smagliature bianche, la correzione delle smagliature rosse e delle alterazioni da crono e foto invecchiamento con notevoli miglioramenti della lassità cutanea specialmente in aree particolarmente difficili da trattare come collo e decolleté. Risultati ancora migliori si ottengono associando l'Oxyneedling con la veicolazione transdermica di principi attivi e farmaci che viene in tal modo massimizzata e ne allarga pertanto i campi di applicazione. Il trattamento non è ablativo ed è ideale per chi desidera ottenere un risultato duraturo nel tempo. CONTROINDICAZIONI • Acne attiva• Herpes labialis o qualsiasi altra infezione locale come le verruche• Malattie croniche della pelle da moderate e gravi come eczema e psoriasi• Discrasie ematiche, pazienti in terapia anticoagulante• Tendenza cheloidea estrema• Pazienti in chemioterapia/radioterapia